Pubblicità di Dio

Tutti alla ricerca della propria identità. Che vuol dire essere identici.
Identici a che cosa?
Nella psicanalisi c’è una cosa chiamata “coazione a ripetere”, che equivale all’impulso di morte.
E noi tutto il tempo vogliamo avere un’identità, una personalità, essere identici a quello che eravamo ieri, o l’anno scorso, o a qualche anno fa, quando avevamo deciso “io sono questa cosa qui”.
E tutto quello che ci succede di contrario a questa identità che ci siamo costruiti lo percepiamo come un disturbo, come avversità, come un problema, come crisi.
La crisi mondiale di un mondo che vuole essere uguale al passato, quando lo sappiamo che tutto scorre e che magari scorrerebbe felicemente se non ci incaponissimo col fatto che siamo quella cosa lì che è solo nella nostra testa.
Tanto per dire che c’è una scienza che non ti insegna ad annullare l’ego o a tranquillizzarlo o a usarlo per i tuoi scopi, ma che ti porta a ricevere, ad accettare tutto quello che accade come giusto, che giustifica tutto.
è come una scienza della pubblicità del tutto. Tutto ciò che accade è buono, tutto ciò che accade è perfetto, tutto ciò che accade è Dio.
Solo che questa cosa causa un po’ di resistenze perché c’è questa tendenza in ciascuno di noi a giustificare sè stessi piuttosto che la realtà delle cose. Solo che quel se stessi è una cosa che appartiene al passato.
Quel se stessi è una strategia che abbiamo adoperato nel passato per relazionarci con il mondo. Solo che il mondo ci pone sempre problemi nuovi. E’ come se per dare un esame di storia studi sul libro di scienze perché aveva funzionato per l’esame di scienze, quindi…

E se non vi basta la mia parola, ecco delle citazioni di eminenti testimonial.

Einstein: “la follia sta nel fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi.”
Hegel: “Scegli ciò che accade.”
Lacan: “l’Io consiste nella conclusione mentale erronea: io penso di aver dimostrato che sono”.

E adesso possiamo riprendere a vedere il nostro telefilm così non ci pensiamo più.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *